Une Satire Française

A mirabolanti catene di libertà e a maschere ciniche e un po’ stereotipate di (finta) ma utilissima lotta sociale non si può che rispondere tramite roboanti onomatopee.

This is an animated “reply” that i made for the Charlie Hebdo’s comic strips upon the earthquakes in Italy!

This is the translation of what i wrote in Italian in the beginning of the article: “Toward majestic chains of freedom and cynic and a little bit stereotyped but totally helpful masks of (fake) civic engagement you can only reply with rolling onomatopoeias. ;)

 

Industrial Beacon Of Evolution Through The Unstable Void Of Dancing Membranes

This is the 7th illustration i made for the upcoming book i’m writing: it represents one of the many space stations that eventually in a distant future will match the genes of humans in order to grown new generation of populations. (I strongly suggest to enlarge the pictures by clicking on it ;) )illustrazione libro 7 ridotta

Poor-trait for the curliest soul in New Jersey

Since the sound waves of your crying are reaching me in Prague directly from the delicate urban tundra of New Jersey, overcoming such things like political congress of gun shots or super-relaxing picnic held under the shadow of a giant asteroid where tribes of cannibal earthquakes are dining happily with red neck’s families of tornados stuffed with gangs of sharks mind controlled by cats with toxoplasmosis, i decided to make this little portrait in order to cheer you up: it’s a little bit “surrealistic”, i know, in fact if you scroll down a bit further, my little shit, you’ll find the hyper-realistic version you are definitely looking for  ;)

JaCritratto barbora

 

 

ritratto barbora vero

I try with all my strengths to breath, to emerge back to life just because i love the sensation of being devoured again and again

This is indeed the sixth (over 20) illustration of the book, i don’t know actually if i’m going to publish others so i hope you would enjoy this one! I’m going also to add a poem (unfortunately in Italian) on this article in a couple of days so stay tuned… :) illustazione libro 6 ridotta

“My emotional programming shouldn’t allow me to feel loneliness”

Here is an illustration i made thinking about the possibility of developing and using A.I. in the future in order to put a little further the bar of human’s exploration of space.

I imagine this almost human sentient device which is just landed in a new world in a  nearby solar system: and before the amusement of the exploration, before the freedom and the pride of tasting as first this new and exotic era of human beings, the first thing the quantum synapses of it’s brain, made out of chiral diamond’s centers entagled between each others, reproduce is an enormous and breathtaking sparkle of pure solitude.

(You can enlarge the picture by just clicking on it)electrical feelings ridotta

Here’s a little zooming of the main character:

Schermata 2016-07-07 alle 01.36.48

Here indeed you will find a little about the process:

-The inking:

Schermata 2016-05-07 alle 18.47.41

-And the pencils:

Schermata 2016-05-03 alle 15.19.47

Maree Di Canti Elettrici Per Civiltà Perdute

This is the very first illustration that will appear in my upcoming sci-fi book that i’m writing right now. Below you’ll find the first chapter, unfortunately it is in Italian: damn me an my mediterranean roots :) .illustazione 4 piccola

Ok WordPress ha deciso di inventarsi spazi nel testo che non esistano e di cambiare font a casaccio di quando in quando: ma, essendo uno strenuo sostenitore della libertà di espressione, ho deciso di non prendermela troppo e lasciare tutto così. (Quanto è bello scambiare la totale incompetenza informatica per “ampiezza di orizzonti”? ;) ) Comunque spero che riuscirete a sorvolare gli atroci pasticci di layout e “godervi” questo piccolo primo scorcio del mio libro. (Fatemi sapere cosa ne pensate!)

Capitolo Primo

E’ la prima volta che vengo accarezzata dalla docile brezza di un vento naturale; i miei capelli, abituati a essere trascinati via dalla potenza dei motori delle navette spaziali, quasi non riconoscono questa nuova forma di autorità e sembrano come restii a muoversi: limitandosi ad ondulare leggeri, invitati ad un valzer cosmico dalla miriade di frammenti di sabbia che fluttuano attorno a me eccitati. Ognuno di loro riflette la prepotente luce deviata dalla gelosia delle lune attorno ad XH29, da noi chiamato “Il Grande Occhio Di Dio”, lanciando timidi segnali color arcobaleno fra l’altrimenti denso tessuto di un’oscurità inesplorata.

Mi allontano dal mio polveroso veicolo da ricognizione e, a piccoli passi, mi avvicino al gigantesco relitto di quella divinità ancestrale, la cui grandezza è stata abbattuta dalla viltà di un patto col tempo. Vedo i miei piedi, ricoperti quasi per interezza da una corazza a campi quantistici, rilasciare una scia di impronte viola chiaro, prontamente ricoperte dal vento, a cui piace senz’altro di più la proliferazione simmetrica delle dune rispetto all’irritante imperfezione lasciata qua e la da noi piccoli esseri viventi.

Mi fermo, respiro a pieni polmoni quell’aria così diversa e pura;

ancora non ci posso credere,

finalmente posso esplorare le stelle, finalmente non sono più prigioniera di quel freddo hangar di addestramento.

Qua fuori è pericoloso,

e ci sono tante cose che non ho ancora provato,

ma adesso, ascoltando i battiti del mio cuore emergere dalle mie viscere, posso vederli sposare con qualcosa di altrettanto vivo e potente, e il riflesso del mio sorriso sulle brillanti maree di sabbia che mi circondano si diffonde come un mantra nell’aria e risveglia il decadente sentore di morte che pervade questo mondo perduto.

Dai rilevamenti fatti dalla base operativa questo bestione pietrificato sembrava meno triste, meno “umano”. Ora a vederlo qua, ad arrendersi continuamente all’eterno sonno, con le mani, una volta dispensatrici d’indifferente pietà, che si erigono al cielo, affogate dalla terra stessa in cerca di una preghiera che gli possa salvare la vita, che gli possa alleviare la sofferenza, provo un po’ meno timore.

Il matrimonio di luce lunare che proviene dal cielo riesce a filtrare fra l’enorme cranio fossilizzato del Dio, e colpisce lo smeraldo oblungo che costituisce il suo braccio sinistro. Attorno a me viene proiettata sotto forma di enormi ologrammi verdastri una cornucopia di lente storie aliene. Esse si mischiano con i turbinii dell’atmosfera, e mi regalano una proiezione di sentimenti lontani, antichi quanto l’universo stesso.

Vedo descrivere vortici di galassie crescere insieme allattando di materia le fornaci termonucleari di soli non ancora nati, vedo pianeti morire e poi nascere, mentre si allontanano fra loro separati dallo scivolare elastico del reale. Poi quei riflessi incorporei recitano lunghi cicli di accrescimento e di morte, fino ad arrivare a descrivere fugaci frammenti di civiltà. Gli ologrammi, resi tridimensionali dal volteggiare curioso della sabbia, parlano ora di emozioni isolate, ora di stupide guerre condotte a cavallo di sensazionali bestie volanti, grandi quanto montagne, che con la loro ombra sembrano poter oscurare i soli e le stelle. Davanti a me appaino due piccoli esseri spaventati, che cercano riparo da quella crudele follia che si sta affacciando sulla pelliccia di case della loro megalopoli; essi osservano impotenti il cielo dipingersi di fiamme oscure, e disperati entrano, sfondando la porta, in uno strano palazzo a forma di esaedro, ricoperto di gemme e tradizioni perdute. Si stringono in loro stessi, riscaldandosi di un focolare fugace di sicurezza, poi dilaniano i loro volti con la tenerezza di un sorriso infelice. Dall’alto l’enorme campione di morte sbatte le ali, e riscalda i propulsori famelici, abbattendosi sulla città e sulle macerie delle loro vite, mentre i loro occhi sognano ancora, incontrandosi all’infinito in un attimo in quel piccolo ritaglio di esistenza che si erano cuciti addosso l’uno nell’altra.

Le visioni adesso finiscono bruscamente, uccise dal vento; al loro posto ritorna il manto elettrico della notte.

Dentro di me trabocca ancora però uno stano sentimento di empatia, e il mio cervello mi impone di tornare ad un preciso momento inciso nella memoria:

Ricordo che mi trovavo all’interno del centro di addestramento durante una delle sessioni di sopravvivenza. La simulazione virtuale era regolata per farci provare l’estenuante condizione delle guerre di trincea in colonie non del tutto sviluppate. Eravamo dentro da quasi tre mesi. (Ovviamente non erano passati realmente tre mesi, gli sviluppatori truccano sempre la percezione del tempo delle reclute in eccesso prima di iniziare, in realtà era passata solo una settimana).

Ero ricoperta da una corazza di fango e disperazione e la notte veniva inutilmente perturbata dalla fredda pianificazione lucente dei bombardamenti a tappeto.

Avevo conservato la razione del rancio rilasciata dai droni alla mattina per potermela “godere” fra la rumorosa tranquillità della sera, quando solo i cadaveri hanno il coraggio di alzarsi in piedi per ululare alle lune, e a quelle divinità bastarde che scrivevano il codice, l’urlo feroce di una morte inutile e programmata.

Stavo sforzandomi di non vomitare mentre mi costringevo a ingurgitare tre viscide barrette insapore di complessi proteici, quando, poco lontano dalla mia postazione, fra l’immensa catasta dei corpi dei miei compagni massacrati, sento provenire una musica simile ad una ballata gitana di altri di tempi, di quelle che ascoltavano i nostri antenati danzando intorno allo scoppiettio erotico di un fuoco alcune centinaia di anni fa.

Curiosa seguo affascinata la scia della melodia, credevo di essere rimasta l’unica ancora in “vita” nel mio settore.

Facendomi largo fra gli ormai inutili gradi indossati dalle casacche dei sergenti e dei caporali caduti, mi avvicino ad un piccolo rifugio traballante costruito al ridosso del muro della trincea. Era tenuto su alla meno peggio con lamiere arrugginite e pezzi smembrati di corazze di carbonio polimerizzato. Dal suo interno proveniva una debole luce blu fosforescente, simile a quella dei fuochi fatui, che rischiarava il pesante fetore della putrefazione, emanando un’aura celestiale di tranquillità. A emettere quella fievole luce erano le corde vibranti di un vecchio violino, pizzicate con maestria da piccole mani scultoree, maculate di sangue rappreso vecchio ormai di alcuni giorni. Collegato a quei capolavori di biomeccanica si trovava il corpo atletico di una giovane ragazza, probabilmente una recluta, come me. Aveva il cranio rasato per ¾. Dalla parte restante cadevano però fluenti dei capelli di un grigio lucente, che si amalgamava a tratti con dei vividi riflessi bluastri, i quali si sposavano perfettamente con il bagliore musicale rilasciato dal quel suo strano strumento.

Il suo viso, seminascosto dall’oscurità, era scolpito di un mistero nobile e cupo. Le sue labbra, viola e carnose, venivano interrotte da una cicatrice a forma di tempesta, che indicava elegantemente la via verso le lagune a forma di mandorla dei suoi occhi: argentati e sicuri di sé, come le piste da lancio, fatte di cristallo e incoscienza, che proiettano sprovvedute navette verso l’indefinibile vuoto dello spazio.

Mi affacciai sulla soglia della baracca, ma lei, pur notando subito la mia presenza, non si scompose minimamente; continuò tranquilla a suonare, limitandosi ad accompagnare le antiche note con un sorriso indecifrabile.

Pensavo di essere rimasta l’unica in questo settore” le dico.

Mi osserva per qualche secondo, poi smettendo di suonare mi rispose:

Forse sei davvero l’unica, forse in realtà sei sempre stato la sola. Queste simulazioni di sopravvivenza sono studiate per temprare il carattere e affinare l’istinto davanti a situazioni senza apparente via d’uscita, non necessitano per forza di altri utenti.

Noialtri potremmo essere tutti marionette mosse da invisibili fili di qubit… certo questo vale anche per te.”

Non sarebbe affatto male! Avere la consapevolezza di essere niente; piccole troiette virtuali con il cammino prestabilito spiattellato davanti: sarebbe tremendamente meno complicato, esistere è decisamente faticoso.” Sbottai.

Lei rise divertita.

Comunque stavo solo cazzeggiando, queste guerre simulate dopo un po’ danno alla testa.” Mi disse. Poi riprese a suonare, questa volta tessendo una melodia più triste.

Sono molto curiosa riguardo a quel tuo violino.”

Lo sono anch’io”

Guardò soddisfatta la mia faccia un po’ perplessa, poi continuò:

Prima di immergerti nel programma puoi scegliere di portarti dietro un oggetto, o qualsiasi altra cosa, per staccare la spina e mantenere un minimo di lucidità no? Poco prima di trasbordarmi avevo fatto installare nel mio impianto neurale di apprendimento un piccolo software di musica classica, così ho optato per il violino, ero curiosa di esplorare un po’ questo nuovo talento. Me la cavicchio, ma la predisposizione genetica conta ancora parecchio, per fortuna, se tutti diventassimo maestri in qualsiasi ambito in pochi secondi grazie a un innestino non ci sarebbe più spazio per la creatività e il colpo di genio non credi? Entreremmo in una fase statica, forse perfino involutiva.”

Tu cosa ti sei portata dietro?” Mi chiese.

Bene, ora mi vergogno, il mio è molto più stupido. Non sopporto il cibo qua dentro, sempre che si possa chiamare cibo, sono solo inutili impulsi chimici che vengono rilasciati nell’area per l’elaborazione del gusto all’interno del nostro cervello… comunque mi sono portata dietro una confezione di barrette al cioccolato, te ne offrirei una ma purtroppo le ho già divorate tutte, quando si tratta di cibo divento un po’ compulsiva.”

Aahah non ti preoccupare. Ma te non hai impianti cibernetici? Sarebbe molto strano considerando il nostro tipo di attività…”

Ho prevalentemente upgrade fisici, per assorbire meglio i traumi e migliorare la potenza e l’elasticità dei muscoli. Per il cervello ho optato per una maggiore quantità di connessioni neuronali oltre ad una maggiore velocità di trasmissione fra di esse. In più ho fatto installare un sollecitatore di impulsi nelle aree contenenti neuroni specchio, mi permette di imparare nuove abilità più velocemente solo osservandole…”

Ok, ok ho capito, non serve essere così specifici, io chiamo i miei “piccoli tumoretti secchioni” per farti capire…”

Sopra di noi all’improvviso scoppiò il fragore di una bomba a corto raggio, che nel cielo dipinse un bouquet impressionista di sfumature color porpora. Piccoli detriti incandescenti piovvero al suolo come magma fumante, e proiettarono su di noi, su di lei, fantasmi di luce danzanti. Guardare come quel bagliore caldo ed intenso sposasse le sue forme celate, l’incorporea e sinuosa fisicità del suo sguardo, fece crescere in me qualcosa di nuovo, qualcosa che non avevo mai provato. Era come se all’interno di qualche mia cavità inesplorata ed oscura si fosse risvegliato un germoglio di fuoco, che piano piano, accrescendosi di desiderio, stava cercando di evadere dalla noia del mio corpo e correre via verso la luce.

La guardai ancora, e il mio cervello, stuprandomi, dette l’ingenuo e avido ordine di sfiorarle il viso; ma mentre il mio braccio stava stupidamente eseguendo quello sciagurato comando, la simulazione improvvisamente finì, dischiudendo in se stessa lampi frenetici di una realtà concentrica una volta nascosta.

Attorno a me si materializzò la fredda struttura a forma di fiore di loto dell’hub di connessione alla realtà virtuale. Mentre stavo ancora cercando di combattere lo shock, la nausea e la debolezza muscolare dovuta al quel brusco ritorno al mondo, a quel forzato parto cibernetico, mi guardai attorno, cercando nelle capsule di contenimento attorno a me una qualche traccia dei miei compagni, una qualche traccia di Lei. Non ne trovai alcuna, riuscii solo a intravedere alcuni involucri color avorio con il guscio sollevato in attesa di ordini. Vomitai una sostanza bianca e collosa. E’ più dello stordimento, più del disgustoso bacio dell’esistenza, a dissanguarmi l’anima era il dubbio atroce che quel singolo e luminoso attimo di vita, in cui finalmente assaggiai il desiderio di un amore, non sia stato altro che lo sfarfallio ingannatore e freddo di qualche esercito miniaturizzato di transistor ad alta frequenza.

The Glorious Organic Roots Of Pride, Blood And Toxic Wastes That Build And Chain The Shadows Of A Civilization

This is one illustration i made for a sci-fi book i’m writing, there’ll be other 19 of them, and for each illustration there would be a short story (but i guess they are like turning in something more like chapters of a whole story)!! I hope you dig guysss ;)

Ps. ( in order to “enjoy” all the details i strongly suggest to zoom the picture by clicking it!)illustrazione-3-piccola-ali

 

 

Discendere sul cordone ombelicale che ci lega alla concatenazione dell’infinito

This is an illustration called “Goreal: We Are Merging And Disintegrating Together In The Wet Net Of Our Dimension” i made for one of my poems, i hope you dig it!illustrazione libro 2

 Ecco la poesia:

 

Piovono riflessi di vita nella strada,

trascinati a terra da un fiume che scorre sempre in senso contrario.

Scorie di essenze costruiscono laboriose

momenti afflitti da una gravità soggettiva,

negativi non ancora sviluppati di un campo profughi di organismi persi e salvati dal nulla.

 

Mentre cadono,

eternamente,

alcuni di loro si trasformano e contorcono in un qualcosa di finalmente tangibile,

in qualcosa di più di un semplice foglio statico a due dimensioni:

 

E sognano occhiali di corno di demone e capelli di luce mossi da benevole mani tremanti,

si stringono nello stringere fiduciosi vagiti imbevuti di amore,

si concedono all’animalesca voglia di un’oscurità ansimante,

diventando più che semplici presenze in un manto acquoso celato d’ombra;

si tramutano nel risveglio accecante di un’emozione,

in una vibrazione che percuote l’universo con la stessa maestosità di due anomalie solitarie,

che stanche di essere solo avide divoratrici di luce,

decidono finalmente di amarsi increspando il tessuto di seta di una notte carnivora.

 

 

Le ora piccole, ora vaste gocce delle loro realtà evaporano su di me,

sulla mia pelle di inutile astronomo di esseri umani,

incurvando la mia già fragile veduta sul mondo.

 

Davanti a me,

straordinarie lingue di metallo pascolano il gregge di case aiutate dal fuoco di piombo di antichi castelli,

prima che tutto si pieghi e rivolti urlando dall’interno verso l’esterno.

 

Sotto la facciata si trova un misterioso mare di punti incandescenti,

più oscuro di un’anima bagnata di petrolio e di morte,

ma luminoso come il sorgere di tutte le albe dell’uomo.

 

Ogni bit di materia nuota, sguizza,

e si guarda trasformare in ciò che non è,

in quello che sarà ma non potrà diventare,

mentre annega e riemerge in questo oceano concavo,

che contiene ed è contenuto,

che si collega,

precipitando in stesso,

a innumerevoli citoplasmi danzanti,

ed accarezza sapori di diverse realtà,

per un solo istante,

poiché si riscoprono uguali a causa dell’onorevole seppuku di ogni dinastia di luce .

 

Da ognuna di queste metamorfiche particelle di polvere si dipanano,

come saliva,

fiamme filamentose,

ancore di materia che si aggrappano al tutto,

e sostengono l’impalcatura di questo teatro scalcinato ed immenso,

dove recitiamo a memoria le nostre solide allucinazioni,

ma anche le paure dettate dall’ignoranza della nostra consapevolezza.

 

Queste stringhe vengono suonate e percosse dal vento inesistente del tempo,

e collegano tutti noi,

tutti loro,

in un unico ammasso gelatinoso di carne, energia e dolore,

che testardo si gonfia e risplende,

respirando e sfiorando incurante la radice immortale di un’esistenza di gelido inverno.

 

JaC

Mentre Osservo Le Disomogenee Sfumature Della Realtà Fra I Dolci Riflessi Castani Dei Tuoi Occhi

This is an illustration called “The Painful Inner Call Of A Mechanical Sensibility” i made for one of my poems, i hope you like it!

ilusstrazione libro 1

Ecco la poesia:

 

Un sole incurante sta tramontando in questo minuscolo mondo vicino e lontano da tutto.

Esso è freddo ed intenso,

rosso e spumoso;

e si insinua,

comandando battaglioni di luce spinti da una bramosia chimica di potere,

fra distese di rovine immacolate,

che emergono dalla terra come scaglie di drago,

come scintillanti resti in putrefazione di ciò che rimane della nostra civiltà.

 

Annuso lo sgusciare dolce e docile delle nuvole in cielo accarezzarmi i capelli,

mentre essi si muovono ipnotici come una medusa fra i riflessi verde elettrico di flussi migratori di smog asfissiante,

fra potenti scintille elettriche,

che fanno da equilibriste,

e creano e dipingono fugaci scoppiettii di universi,

destreggiandosi fra spessi cavi di alluminio e di rame;

mentre noi,

da sotto,

recitiamo la nostra umile parte di annoiati spettatori di carne.

 

Mi trovo a respirare tramite questa dispotica bolla di quotidianità,

questo concentrato di esigenze e piccoli fenomeni fisici,

ed osservo il tempo diluirsi ed illudersi di poter divorare l’insignificante distanza,

fatta di pietra e disperate offerte pubblicitarie,

che mi separa da te.

 

Ti vedo camminare su un ventaglio asimmetrico di luce intensa,

e il sapore della tua ombra si spande fra i romantici canali costruiti dalle insenature delle mattonelle,

in cui scorrono densi e copiosi fiumi di benzina e monossido di carbonio.

 

Ogni tuo muscolo,

ogni delicato e selvaggio meccanismo  del tuo corpo si sta sforzando,

stuprando,

di celare la spaventoso desiderio di mordermi e bruciarmi l’anima.

 

Cerchi,

testarda,

di non correre verso di me,

ma il rosso perenne delle tue labbra scintilla estasiato, e i tuoi capelli danzano liberi una profumata ballata di primavera.

Ti catturo con la rete bucata dei miei sguardi,

che forse sono troppo fragili per affrontare il volgare condensato di realtà che ci circonda.

 

Attorno a noi infatti si srotola una dimensione molliccia,

in cui nuotano agili suoni di rotaie erose dal tempo,

di giorni spiegazzati che svolazzano traghettati da torrenti disumani d’indifferenza,

di riflessi di donne ancestrali, che si legano i capelli e accarezzano il seno illuminate dalla boria noiosa dei grattacieli.

 

Immersi in questo domino gelatinoso di piccole vite,

che contiene la stratificazione pietrificata di tutti i nostri cosiddetti peccati,

riusciamo finalmente a toccarci:

 

ma non ci tocchiamo davvero,

siamo comunque due corpi distanti,

due ammassi di galassie in rotazione nella giostra del nulla,

che contengano miliardi di frammenti di un puzzle indecifrabile,

intrappolato in un costante ciclo di resurrezione.

 

Riesco comunque,

in questo assurdo caos d’indeterminazione,

a sentire la calda gloria della tua vita dissetare e sciogliere il mio stupido serbatoio di oscurità;

mentre ti bacio la fronte,

mentre i tuoi seni,

orgogliosi e materni,

mi commuovano e rassicurano,

uccidendo quella maligna catena arrugginita di paura che mi trascina e comanda da sempre.

 

Con l’immagine instabile delle miei mani ti esploro,

ti sfioro in ogni cassetto segreto,

e mi arrampico sull’elegante castello d’avorio della tua spina dorsale,

passando per la scogliera affilata delle tue costole,

dove onde concentriche di sangue e piacere mi trasportano verso le mastodontiche porte rosicchiate dai secoli del tuo nucleo.

Che è un’eruzione incontrollabile di pura tenebra,

e contiene il magma insicuro di tutto ciò che sei e non vuoi farmi vedere.

 

Ti scivolo dentro,

accarezzando ogni cellula che ti ostini a definire tua,

quando in realtà veniamo entrambi da una fornace riciclata di stelle,

e siamo tenuti insieme solo da un debole flusso appiccicoso di energia invisibile:

siamo due emanazioni di organismi infinitamente più grandi e scissi a cui è stata caritatevolmente prestata l’esistenza,

e volteggiamo,

inconsapevoli,

l’uno nell’altro,

cercando di soddisfare la nostra sete di conoscenza,

e di tramandare nel vuoto vibrante un piccolo eco sporco di vita.

 

JaC