Rapsodia per un germoglio di amore in putrefazione

ILLUSTRAZIONE POESIA RAPSODIA

Credo di essere appena tornato da lavoro,

non ne sono tanto sicuro però:

mando sempre un’altra emanazione di me a sgobbare,

una un po’ più cordiale e innocua,

mentre io rimango a fantasticare nel mio cantuccio cerebrale preferito,

dove posso deflettere come uno scudo tutte le informazioni chimiche provenienti da quel substrato di noia e frustrazioni chiamato realtà.

Puzzo di volatile semi-arrostito e di dis-integrazione sociale,

devo essere tornato da poco;

ogni giorno assisto inerme a questo paradosso,

cerco l’approvazione di persone che odio,

con cui non ho niente in comune,

solo per sentirmi accettato da un ambiente da cui non vedo l’ora di essere vomitato fuori.

Dev’essere ancora l’infanzia che bussa,

quella ferita vecchia quasi 20 anni,

che fa da wormhole emotivo,

teletrasportandomi continuamente a quella sensazione di emarginazione e disorientamento

che provavo quando (non) giocavo con gli altri ragazzi.

 

Bah… adesso basta però,

sono di nuovo al sicuro,

fra le tenebre.

 

Mi dirigo verso il bagno,

attraversando un corridoio, una specie di tunnel;

le pareti sono composte da un esoscheletro di cristalli scarlatti,

che si muovono con grazia, sincronizzandosi al mio passaggio,

mentre catturano i raggi lunari per decomporli in un musical di colori fatti su misura.

.

Raggiungo la doccia,

apro la piccola finestra alla mia destra,

che ho sempre immaginato come un cunicolo polveroso verso una dimensione nascosta,

e faccio entrare un po’ di notte nella stanza,

saturando l’ambiente con la progressione instancabile dei Tir,

giganteschi predicatori pseudo-cristiani al neon,

con l’eco di zingarate adolescenziali in piscine di vecchi feudatari lobotomizzati,

con l’odore e l’energia di tutto ciò che esiste ed è mai esistito nell’universo.

 

MI spoglio,

quasi mi imbarazza il pensiero che la luce riflessa da mio corpo nudo e molliccio possa raggiungere qualche civiltà aliena in ascolto,

non penso che il mio alluce valgo sia il candidato migliore per fare da ambasciatore all’umanità.

Apro l’acqua,

e mi iptnotizzo  ascoltando quella miscela alternata di silenzio e flusso costante,

immaginandomi di nuovo al calduccio in una sacca di placenta e liquido amniotico.

Mi metto sotto il getto d’acqua bollente,

provando di nuovo una sensazione piacevole, accogliente;

poi una serie di gocce traslucide si scontrano con l’aggressività dei raggi cosmici,

proiettando attorno a me modelli fluorescenti di ammassi di galassie in rotazione fra loro,

dagherrotipi di buchi neri che, ormai sazi, eruttano fontane di energia,

illuminando, come fosse un tributo,

l’ultimo secondo di cielo di una stella morente.

 

Ho un po’ di nebulose violette negli occhi,

ma le risciacquo prontamente prima che inizino a bruciare,

poi mi asciugo e mi incammino verso la camera da letto.

 

Anche li apro la finestra,

è più forte di me,

sarebbe una scortesia verso l’Esistenza lasciarla fuori.

 

Dopo essermi rannicchiato sotto le coperte rimbocco con amore quel bunker antiatomico che è il mio letto,

poi mi metto a dormire.

 

Mentre la mia coscienza sprofonda sempre di più nel caldo tepore dell’indeterminazione,

sento tutto il mio essere liquefarsi,

suddividersi ed amalgamarsi in forme sempre più semplici e sfuggenti,

che si dilatano e riavvicinano fra loro come se fossero un cuore pulsante,

sorrette da un telaio indissolubile di informazioni.

E’ come se frammentassi l’insieme di sensazioni che mi compone ai minimi termini, per

potermi così infiltrare nei meandri più inaccessibili della Realtà, attraversando una portale

mistico che filtra il microscopico in modo da ribaltarlo in una gigantesca proiezione di

interazioni ad alta energia.

 

Mi trovo in questo mondo inesplorato adesso,

il cui cielo è un’autostrada monodimensionale dove si diramano e attorcigliano probabilistiche pellicole di realtà;

ologrammi, che sembrano non essere altro che soffici lungometraggi di seta nati dal tango promiscuo e feroce fra particelle luminose e nascoste.

Tutta la mia vita, tutte le vite o manifestazioni di esistenze emanate nell’eternità di questa copertina di tempo e di spazio derivano dalla danza perpetua di queste piccole divinità,

e sento, percepisco, che lo scorrere delle nostre lacrime in fiumi color porpora di amori traditi, che le palpitazioni inebrianti dei nostri cuori persi in un incrocio di sguardi,

siano le loro di illusioni,

che producono per riscaldarsi,

per allietare e giustificare il loro essere al mondo.

 

Da qui,

da questo nodo cruciale di possibilità,

cerco di sbirciare la mia piatta linea temporale,

e mi immergo all’infinito in un passato di futuri che non riesco più a ricordare:

vedo gli splendidi ammassi di stelle dispersi negli occhi verdi di mia madre brillare nel buio per l’ultima volta mentre tremando le tengo le mani,

osservo la cocciuta timidezza con cui mio padre cerca di accarezzare con lo sguardo il suo primo nipotino,

per il terrore di toccarlo,

per cercare di non contaminarlo.

 

Adesso il chiaro scuro inaspettato creato dal contatto di un seno con la frastagliata oscurità di una foresta in estate attira la mia attenzione,

e l’emanazione di me che stavo osservando passa dall’essere seduto su un tetto per ammirare gli strani colori dell’alba al trovarsi sdraiato con lei su una banchina di un porto durante una tempesta.

Mi vedo cercare di abbracciarla con una conversazione, mentre lei lascia che i suoi capelli selvaggi siano suonati dal vento;

la nebbia delle mie parole si confonde educatamente con l’emulsione violacea del tramonto,

e inizio a smontarla con la sguardo,

la mescolo e viviseziono,

la centrifugo in un caos di utopie,

per poi però sorprendermi a rimontarla,

con delicatezza,

pezzo dopo pezzo,

esattamente com’era.

 

Qua,

in questo cinema sotterraneo,

fra serate passate fra amici a cavalcare la notte ed il vino, fra cacce al tesoro, pizze e spedizioni eroiche in castelli di sabbia diroccati o in navicelle spaziali,

fra orgasmi solitari e frustranti o riflessi di amplessi in occhi vortice, avvolti e illuminati dalla magnificenza di un corpo caldo e sinuoso,

trovo l’epicentro di tutto ciò che ho avuto, di tutto ciò che ho perso,

di tutto l’amore che ho ricevuto e che sono stato in grado di dare.

 

JaC

 

Everything Stays

This design is inspired by the amazing existential loop in which almost every character of Adventure Time is involved. Everyone has been someone else, in the past or in the future, but their Universe (and perhaps also ours) always represents itself with the same combination of paths and the same selection of solutions. Only those who are immortal can slightly see the pattern: our Marceline, for example; and that’s why, maybe meanwhile floating sweetly in the air, she can play us a music that can remind us who we were and who we are in an infinite loop of sensations.
(Ah, there is also another hidden meaning in the design: there is an association between the vampire bite on the neck of Marceline (two dots, two circles) and the system Moon-Earth, if you notice maybe also them are just two little dots in a even greater story.)

PS: if you like the design you can vote it and help it to become a real product on Threadless with this link: https://www.threadless.com/designs/everything-stays-10adventure timer shirt